Il Tuo Artedelrestauro:       Area Riservata | Accademia del Restauro | Carrello | Sconti e Promozioni

La laccatura di mobili e infissi.

Postato in: Antiquariato
Questo mio articolo parte da una domanda di un mio studente,
Mimmo, che mi chede come laccare un infisso o un mobile dando quel senso di "vissuto" tipico dei mobili Provenzali, Gustaviani o Shabby Chic.

In linea di massima gli approcci a questo genere di lavoro sono due. Cambiano infatti se si parte da un legno già verniciato o da un legno nuovo. Spesso infatti questo della laccatura è un buon sistema per rilaccare mobili o infissi senza sverniciarli, bisogna però carteggiare molto bene il fondo, se necessario stuccarlo e togliere tutte le imperfezioni e la vernice che si solleva.

Preparato il fondo io passo alla laccatura con uno smalto all'acqua a finitura opaca. Passi una mano a pennello e quando è asciutto carteggi con una carta abrasiva non molto aggressiva, una grana 80/100 va bene.

In genere bastano due mani in quanto queste vernici sono molto coprenti. Una volta asciugata la base passi alla patinatura, io preparo un encaustico molto liquido con bitume di Giudea, lo passo sul fondo e tolgo l'eccesso con uno straccio e una spazzola.

Per questa operazione ci vuole una buona manualità e togli quanto basta per donare al mobile un aspetto "vissuto" lasciando del bitume nelle parti più difficili da raggiungere, quali modanature o spigoli interni ecc. Il bitume altera il colore della lacca facendolo sembrare ossidato, parti sempre quindi da un colore pulito e brillante tanto poi si smorzerà con la patinatura.

Se invece il legno è nuovo devi dare un fondo che può essere sintetico come la classica cementite o un fondo all'acqua, questo per creare un fondo su cui poi passare la lacca senza che vengano assorbiti tutti gli elementi costituenti la vernice lasciandola più "debole" e meno coprente. Anche il fondo, una volta asciutto, va carteggiato e passato in due mani.

Si può accentuare l'effetto vissuto dell'infisso o del mobile spaiettando o carteggiando leggermente le parti che si prestano a maggiore usura quali spigoli o parti vicino alle maniglie ecc.

Si può inoltre valorizzare una porta laccandola e dorando a missione alcune parti come gli spessori delle formelle o i becchi di civetta creando contrasto tra la lacca opaca e le parti dorate lucide. Anche le dorature si patinano con il bitume.

Puoi decidere se fissare la patina con un fissatore spray, tipo quelli per belle arti, o lasciare che con il tempo si consumi naturalmente nei punti di maggiore usura.

Nell'immagine una porta da interno laccata e patinata in puro stile Gustaviano dal mio allievo Rino.

Decorare un mobile o un complemento d'arredo è facile e divertente! Scopri i segreti della decorazione con il corso dal vivo:

Corso di decoro del mobile "tecnica Shabby"

Scopri tutti i segreti della tecnica shabby sul sito DonnaCreativa.net


Se ti è piaciuto questo articolo clicca su "Mi piace" o lascia un commento.

 

Lascia il tuo commento


I commenti degli utenti:

Commento di: francesco
ho visto in negozi di arte povera dei mobili con base scura laccata bianco avorio decisamente vissute con screpolature ed angoli come se fosse saltata la vernice.
è difficile da spiegare ma penso che tu abbia compreso altrimenti dovrò tentere di fotografare una parte ed inviartela.
grazie e complimenti per il CD che ho acquistato.
francesco

Commento di: carlo
Ciao Francesco, il tipo di finitura di cui parli è "l'effetto craquelé" per usare un francesismo. Le screpolatura si ottengono usando due vernici ad essicazione differente. La prima asciuga più lentamente mentre la seconda più velocemente, questa, seccando si spacca e crea l'effetto che, a volte viene accentuato dall'uso di bitume. Il bitume fermandosi solo nella screpolature dà un senso di antico e patinato. Questa tecnica viene usata anche nella finitura di quadri a olio o riproduzioni di quadri antichi.

Commento di: ELENA
A ME PIACEREBBE FARE QUALCOSA CHE HA CHE FARE CON LACCATURa

Commento di: carlo
Ciao Elena, la laccatura dei mobili, così come la doratura, sono mestieri che richiedono una preparazione specifica che io non possiedo. Preferisco rivolgermi ad un laccatore o ad un doratore, nel rispetto delle professionalità altrui.

Commento di: myriam
Ciao a tutti, non mi sono mai occupata di restauro e non saprei proprio da dove cominciare, ma credo per pura follia, ho acquistato 5 porte antiche da utilizzare nella casa in cui andrò ad abitare, e per personalizzare tutto ho pensato di recuperarle da sola. Mi piacerebbe dargli l'effetto che ho visto nella foto (le mie porte sono molto simili), ma utilizzando colori diversi per ciascun ambiente, ovviamente sempre tinte pastello molto chiare.
Da cosa devo partire, che prodotti devo utilizzare?
P.S. ho acquistato un testo che parla di decapè e craquelé, stasera comincerò la lettura, ma spero ugualmente nel vostro aiuto. Grazie.

Commento di: carlo
Ciao Miryam, la laccatura patinata di infissi è un mestiere che non si può risolvere in poche parole. Ho in programma un corso in DVD sull'argomento ma per il momento ti consiglio di comperare libri o riviste sull'argomento, se ne trovano di molto valide :))

Commento di: Isabella
Ciao, mi chiamo Isabella, innanzitutto complimenti per il sito, davvero interessante..
Vorrei laccare la madia in arte povera che ho nel mio soggiorno, vorrei laccarlo color avorio opoco come la libreria, pensavo di cimentarmi da sola in quest'impresa...ardua...credo, e non so proprio da dove iniziare..
Grazie e buona sera. Isabella

Commento di: carlo
Ciao Isabella, laccare una madia non è affatto un'impresa ardua, basta sapere quali passi compiere. Innanzitutto la preparazione del fondo con una base di cementite, poi la vernice a tua scelta. Questa può essere a solvente, all'acqua o acrilica, io preferisco vernici all'acqua. In un buon vecchio colorificio puoi trovare i prodotti e i consigli per una buona laccatura. Fallo, è facile :))

Commento di: wilma
Buon giorno, mi piacerebbe ridare nuova vita al comò con specchiera di mia nonna, in stiele piemontese con i cassetti intarsiati rappresentanti dei piccoli paesaggi. Questo mobile è stato trattato circa cinque anni fa con mordente noce + una finitura di vernice trasprente. Vorrei tanto utilizzare l'arte del decapè e dello shabby chic per ridargli un posto speciale in salotto. Ho letto la tecnica che ha spiegato ma vorrei farle una domanda: è necessario svernicialo del tutto, o mi basta solo carteggiarlo con la carta abrasiva e poi stendere la vernice più chiara sopra, in modo che alla fine il risultato sia di un bel mobile color crema con il vecchio colore noce affiorante qua e là. Sarei felice se mi desse una risposta in merito.
Grazie mille.

Commento di: carlo
Ciao Wilma, sei sicura di voler coprire gli intarsi del mobile con una vernice colorata? Se la risposta è sì, procediamo pure :)) Non è necessario sverniciare completamente il mobile, ti basta carteggiarlo per consentire alla nuova vernice di ancorarsi, una volta asciutta carteggiane alcune parti per dare al mobile un senso di "vissuto". Sai già quale vernice usare?

Commento di: Antonio
Gentile Signor Carlo, è la prima volta che capita di imbattermi in un sito dove un autentico artista sfodera tutta la sua esperienza per trasmettere il suo sapere indistintamente a chi lo legge e a chi lo chiede. Grazie per tutto questo. Approfitto per chiederle un consiglio. Secondo Lei è possibile laccare un armadio in poliestere nero di quelli che si usavano negli anni 60? Se la risposta è positiva, la prego di dirmi in che modo posso rimuovere la lacca poliestere? Un normale sverniciatore è adatto? La ringrazio anticipataamente della risposta e gradisca la mia più viva simpatia. Cordiali saluti. Antonio

Commento di: carlo
Ciao Antonio, non sono un esperto di vernici moderne. La lacca poliestere è praticamente irremovibile, almeno con i normali sverniciatori in gel. Dovresti levigare tutte le superfici fino a togliere la vernice totalmente.

Commento di: camillo
ciao io sono camillo, mi ha fatto molto piacere ascoltare i tuoi consigli . Sono andato in pensione presto e mi diverto a fare dei piccoli lavoretti, nel campo della laccatura non mi sono mai addentrato però ascoltando i tuoi consigli penso vada tutto bene, come costi,e come tempo come sono. grazie dei consigli e cordiali saluti e buone feste camillo

Commento di: carlo
Ciao Camillo, mi fa piacere sapere che ti dedichi al restauro, si tratta di un hobby molto affascinante. Per quando riguarda i tempi e i costi della laccatura questi dipendono da molti fattori: dalla temperatura e umidità fino al tipo di prodotto usato. Come vedi le variabili sono tante...

Commento di: luminosa
ciao Carlo sei davvero prezioso con i tuoi consigli! Vorrei laccare delle sedie color legno verniciate,ma temo di fare dei gran pastrocchi!! Ma grazie per la tua disponibilita'!

Commento di: carlo
Ciao Luminosa, non aver paura di combinare danni...con un buon sverniciatore puoi sempre rimediare. Ricorda che tutto è difficile, prima di diventare facile :))

Commento di: fabio
ciao carlo, e' un po di tempo che cerco di avvicinarmi alla laccatura. devo dirti che dopo vari pasticci sono riuscito a realizzare cose molto carine. vorrei chiederti un consiglio, meglio una vercice ad acqua o un 'acrilico? come si prepara un encaustico con il bitume di giudea? io ho il prodotto ma non riesco ad usarlo (prepararlo) hai un consiglio da darmi? ciao e grazie

Commento di: carlo
Ciao Fabio, è molto difficile dire se è meglio un prodotto oppure un altro, dipende dal risultato desiderato. In genere io preferisco le vernici all'acqua in quanto si tirano meglio e lasciano meno i segni del pennello. Le vernici acriliche tendono ad asciugare molto velocemente, per i miei gusti troppo velocemente. La mia ricetta per un buon encaustico sono 25 grammi di cera carnauba sciolti a caldo con 250 grammi di cera d'api in un litro di essenza di trementina. Il bitume va aggiunto fino a raggiungere il colore desiderato. Puoi vedere come si fa un encaustico nel corso in DVD L'abc del restauro oppure puoi leggere come si fa nel mio Prontuario del restauratore e lucidatore

Commento di: fabio
ciao carlo, tante grazie per la risposta che mi hai dato. provero' a seguire i tuoi suggerimenti poi eventualmente acquistero' anche l'abc del restauro. ciao e buona giornata

Commento di: anita
ho una panca laccata,vorrei dipingerla ma renderla antica,un pò arte povera come posso fare? grazie

Commento di: carlo
Ciao Anita, puoi orientarti verso una finitura shabby, ora molto di moda, ne parlo in questo articolo del blog.
La prossima primavera ci saranno dei corsi dal vivo specifici sulla decorazione del mobile.

Commento di: francesca
ciao carlo, sto cercando di dare nuova vita ad un vecchio tavolinetto in legno: dopo averlo opacizzato con il bicarbonato, l'ho carteggiato lievemente, ho dato un fondo all'acqua e infine ho dato 2 mani di vernice all'acqua opaca, color champagne. ora vorrei dargli una patina gustaviana: cosa mi consigli di fare?
grazie e complimento per l'utilissimo blog!
francesca

Commento di: carlo
Ciao Francesca, la preparazione del fondo è corretta ma sono di troppo le due mani di vernice all'acqua. La finitura gustaviana ha la caratteristica di avere colori pastello opachi, come l'azzurro polvere o il bianco. Ora dovresti carteggiare il tutto e riprendere con una vernice all'acqua opaca del colore che preferisci. Finisci poi il mobile con della cera se ti piace patinato oppure lascialo così. Potresti usurare leggermente alcuni spigoli per dare un senso di "vissuto" al mobile.

Commento di: Dellagiacoma Maria Pia
Sono Maria pia,avrei il desiderio di riverniciare un soffitto di una cameretta. Questo è un perlinato di legno trattato con vernice all'acqua e leggermente tinto ma scurito dal tempo rifinito da un bel cornicione.
Vorrei rendelo elegante giocando su una tinta color vanilia antichizzarlo e dando sul cornicione una tinta oro.Chiedo un consiglio e il modo per realizzarlo. La ringrazio

Commento di: carlo
Ciao maria Pia, in linea generale dovresti carteggiare il soffitto perlinato per pulirlo e consentire alla tinta di aggrappare. Per colorare il soffitto puoi usare una vernice all'acqua oppure una idropittura lavabile di ottima qualità che farai preparare nel colore desiderato. Poi passi una tinta oro sul cornicione. Per la tinta color oro fatti consigliare presso un buon colorificio fornito.

Commento di: armando
Ottimi consigli, grazie

Commento di: carlo2
Buonasera gradirei sapere con che cosa prepari l'encaustico molto liquido con bitume di Giudea che citi sull articolo?
Ho delle porte in massello nuove allo stato grezzo e vorrei laccarle con uno smalto all acqua bianco e poi passare il liquido sopradetto per anticarle.
Come devo stendere il bitume?
Grazie e saluti

Commento di: carlo
Ciao Carlo, prepariamo l'encaustico con cera d'api, cera carnauba e essenza di trementina. Il bitume di Giudea ci serve per colorare le cere. Per patinare le porte laccate puoi usare una buona cera per mobili che trovi in commercio, la cosa importante è che sia colorata, noce scuro va bene. Diluiscine una parte con essenza di trementina e distribuiscila sulla porta con un pennello, con uno staccio morbido togli gli eccessi e uniformizza il tutto. Si tratta di un'operazione molto delicata e ti consiglio di "farti la mano" su legni di scarto.

Commento di: Raffaella
Ciao mi chiamo Raffaella, mi piace molto restaurare i mobili tanto che ho restaurato tutti i mobili di casa. A distanza di un anno ho notato che il tavolo di cucina in alcuni punti è come appiccicoso e anche macchiato. Io per invecchiarlo ho usato la cera per mobili scura dopo il trasparente.Ho verniciato così: ho carteggiato il mobile passata la cementite acrilica poi vernice ad acqua poi trasparente infine invecchiato con cera ambra dove ho sbagliato? Ti prego rispondimi subito prima di fare altro danno. Ti ringrazio.

Commento di: carlo
Ciao Raffaella, senza vedere il mobile mi è impossibile darti una risposta professionale. In linea di massima il procedimento di laccatura è corretto. Probabilmente si tratta di un problema legato al tipo di cera che hai usato.

Commento di: Rita
Gentilissimo Carlo,
avrebbe un consiglio da darmi per rimediare a una piccola scheggiatura su un'anta di armadio laccata (satinata) color panna?
Grazie mille!
Rita

Commento di: carlo
Ciao Rita, ritoccare una superficie laccata è veramente complicato, il problema principale non è solo azzeccare il colore preciso, anche la vernice da usare non è una scelta semplice. L'effetto finale infatti deve essere omogeneo non solo come colore ma anche come satinatura. Ti consiglio di rivolgerti ad una decoratrice professionista esperta.

Commento di: patrizia
gentile sig. carlo ho un armadio
di legno laccato opaco nero che
si riempie di impronte di dita
aloni ecc..non riesco a pulirlo
con niente oggi ho provato con
uno spray per legno laccato della
NUNCAS a sentir loro delicatissimo
e risolutivo ma credo che si sia
rovinato nel punto dove ho provato
sono rimasti degli aloni più
chiari che posso fare?
può aiutarmi a rimediare?
grazie tante.

Commento di: carlo
Ciao Patrizia, le mie competenze non sono specifiche sui mobili moderni. Ti consiglio di rivolgerti dove hai acquistato il mobile, se sono seri sapranno darti indicazioni sulla manutenzione del mobile.

Commento di: giovanni
Bello tutto quello che ho letto. Grazie carlo. Ho laccato la ringhiera della scala con della vernice bicomponente cambia qualche cosa adesso che devo renderla ..vissuta. Ho qualche esperienza con altri tre mobili. I tuoi consigli con le cere trementina e catrame giudaico mi tornetanno molto utili. Con le precedenti esperienze ho adoperato cera d'api e catrame consigliatomi in un negozio di colori .grazie ancora attendo risposta. Giovanni

Commento di: carlo
Ciao Giovanni, patinare e invecchiare un mobile o un ferro sostanzialmente è la stessa cosa. Io stesso ho decorato e patinato lavori in ferro battuto antichi e moderni. L'aspetto su cui porrei attenzione trattandosi di una ringhiera è l'usura. Puoi non proteggere la patinatura e lasciare che l'uso continui a patinare la ringhiera oppure fissare il tutto con una vernice trasparente all'acqua.

Commento di: Claudio
Gent. Carlo
Ho un como' e due comodini in legno con la laccatura noce.
Vorrei poter rifarli in bianco perlato. Potrebbe essere possibile con il fai da te' ? Dammi qualche consiglio. Grazie

Commento di: carlo
Ciao Claudio,certo che è possibile laccare i mobili la cosa importante è che non siano mobili molto antichi o importanti. Trovi alcuni articoli interessanti se inserisci la parola "shabby" nel box a destra "cerca nel blog". Per quanto riguarda la tecnica e i materiali sto scrivendo una guida al fai da te che uscirà nei prossimi mesi.

Commento di: maria grazia
Ciao Carlo,
ho un comò della nonna, in arte povera, con specchio e ripiano in marmo. Molto tempo fa è stato da noi dipinto con una vernice acrilica color verde acqua. Ora lo vorrei restaurare e laccare, ma sono indecisa tra una finitura tradizionale tipo bassano anticato, oppure una laccatura bianca anticata che va tanto di moda e mi piace tanto. Tieni conto che lo dovrei collocare nella sala dove c'è già una credenza alta in ciliegio e un tavolo consolle in ciliegio (entrambe finitura Bassano anticato). Per favore dammi un consiglio, considerato sia il tipo di mobile, sia la collocazione che vorrei dargli.
Grazie e saluti cari
Maria Grazia

Commento di: carlo
Ciao Maria Grazia, se nell'ambiente hai già mobili color noce anticato un cassettone laccato chiaro sta bene e alleggerisce l'arredamento. Visto che si tratta di un cassettone della nonna senza valore antiquariale io opterei per la laccatura. La finitura la scegli tu: puoi farlo di gusto più Shabby oppure più Provenzale patinato con una cera colorata. Trovi alcuni articoli sulla decorazione del mobile "qui."

Commento di: maria grazia
Grazie Carlo, penso di seguire il tuo consiglio e di optare per uno stile provenzale che a me piace moltissimo, per esempio una laccatura bianca anticata. Forse è il caso però di affidarmi ad un esperto, perchè mettendo il cassettone nel salone vorrei un risultato bello ed elegante. Non ho esperienza, non conosco le tecniche,le fasi, e i materiali.
Ti saluto caramente
Maria Grazia

Commento di: rossella
vorrei sapere come posso dipingere un armadio laccato bianco stile provenzale con il grigio mi spiego meglio vorrei che il bianco di fondo si intravedesse con il colore grigio aspetto sue notizie in tanto la ringrazio

Commento di: carlo
Ciao Rossella, fai una base grigia passi della cera, anche una candela va bene, nei punti dove vuoi che si intraveda e poi finisci con il colore bianco. Quando è asciutto passi una paglietta o carta abrasiva sui punti dove vuoi che si veda il fondo e togli la finitura. Oppure fai il contrario: fondo bianco e finitura grigia.

Commento di: marco
Buoansera
ho appena acquistato un mobile tv lungo 2,88 metri laccato bianco lucido...mi sono accorto che nel bordo sono presenti alcuen scalfitture...e la patina bianco lucido mi sembra davvero sottile...è possibile ritoccare nei punti dove è venuta via la laccatura in qualche modo o bisogna rilaccare tutto nuovamente?
grazie
Marco

Commento di: carlo
Ciao Marco, la laccatura dei mobili moderni è molto differente dalla laccatura intesa come decorazione del mobile. Gli interventi sulla laccatura moderna risultano sempre visibili. Ti consiglio di rivolgerti al rivenditore.

Commento di: cristina
mi dai un consiglio per laccare i miei serramenti da noce a bianco lucido? vorrei farlo solo internamente , grazie mille ciao

Commento di: carlo
Ciao Cristina, il processo di laccatura è come descritto nell'articolo, dopo aver preparato il fondo passi un paio di mani di vernice quindi, se desideri una finitura vissuta, patini l'interno dell'infisso con la cera colorata.

Commento di: monica
Non ho un commento ma una richiesta. Possiedo due credenze in pino color noce scuro (abbastanza dozzinali) che vorrei ridipingere bianche senza doverle carteggiar per mancanza di spazio e vorrei sapere se esiste qualche tipo di pittura coprente che aderisca sul lucido del legno per permettere poi di pitturarlo come voglio.

Grazie per una cortese risposta e cari saluti.

Commento di: carlo
Ciao Monica, trovi risposta sul sito donnacreativa.net che curo insieme a mia moglie :)

Commento di: cristina
Salve! Forse farò una domanda stupida ma é possibile passare la base(ovviamente dopo aver cartato e prima di essere laccato)su un mobile, con la pistola invece del classico pennello?

Commento di: carlo
Ciao Cristina, la domanda è molto pertinente e se hai dimestichezza con l'uso della pistola a spruzzo puoi usarla. Si perde però l'effetto del pennello che in queste laccature dà più "sapore" al mobile.

Commento di: stefano
Buona sera Carlo,
ho acquistato il DVD ed ho già finito alcuni lavori con successo.
Come si può decorare una porta che da sull'esterno (protetta da una persiana)?
Con quali vernici è necessario trattarla?
E' possibile cerarla con l'encaustico usato per le porte interne?
Ti ringrazio molto.
Credo verrà a trovarti per vedere qualche mobile.
Stefano

Commento di: carlo
Ciao Stefano, dipende da che tipo di vernice vuoi usare: naturale o sintetica. Naturale puoi usare olio di lino cotto oppure oli appositamente studiati per esterni che puoi reperire facilmente online. Le cere naturali sono troppo delicate per esterni.


Lascia il tuo commento


Ricevi gratis una Guida al restauro subito nella tua casella email!

Più di 15.000 utenti ne hanno già fatto uso; tu cosa aspetti?

Cerca nel blog:

Categorie del blog

Archivio post

Dicono di me..

Grande Carlo!!! Farò tesoro dei tuoi consigli,e dei video che mi stai mandando! Piano piano sto incrementando il tutto,e con un pò di tempo e pazienza devo restaurare un vecchio cassettone napoletano della nonna! Sei piovuto come manna, ed anche se di professione non faccio il restauratore questo è il mio hobby preferito Cordiali saluti

Rosario Mautone, Caserta