Sverniciatore per gesso-Soda caustica-artedelrestauro.it

Sverniciatore per cementite e gesso – Soda caustica – 1 Lt

3.70

Sverniciatore liquido alcalino ideale per rimuovere cementite, gesso e fondi gessosi. A base di soda tamponata è deale per legni dolci quali abete e pioppo. Sconsigliato per i legni ricchi di tannino quali il rovere in quanto il prodotto ossida i tannini scurendoli. Da usare con le adeguate precauzioni, dopo la sverniciatura risciacquare il legno con acqua.

COD: d645920e395f Categoria: Tag:

Descrizione prodotto

Sverniciatore liquido alcalino ideale per rimuovere cementite, gesso e fondi gessosi. La soda caustica in soluzione del 30% è ideale per legni dolci quali abete e pioppo. Sconsigliato per i legni ricchi di tannino quali il rovere in quanto il prodotto ossida i tannini scurendoli.

Da usare con le adeguate precauzioni e protezioni. Stendere il prodotto sulla vernice o fondo gessoso da rimuovere. Quando la vernice si solleva rimuovere con una spatola e pulire accuratamente con la paglietta grossa. Dopo la sverniciatura risciacquare il legno con abbondante acqua. Seguire le avvertenze riportate sulla confezione.

Per sverniciatore si intende un prodotto, solitamente chimico, che agisce sulla vernice sino a farne venir meno la sua adesione ad una superficie.

Principali metodi di sverniciatura:

Sverniciatura a caldo:

un tipo molto comune è la sverniciatura a caldo effettuata con una pistola termica. Una sorta di phon molto più potente di quello comune che viene passata sulla vernice, la quale si dilata e si frattura, in modo tale da essere rimossa manualmente tramite un raschietto. Prima dell’introduzione delle pistole termiche veniva solitamente effettuata utilizzando fiamma viva generata da un cannello a gas.

Sverniciatura chimica:

è un tipo di sverniciatura che prevede l’applicazione sulla superficie da sverniciare di un composto chimico aggressivo nei riguardi dello strato di vernice. Viene rimosso poi manualmente tramite un panno o della lana d’acciaio. Il solvente comunemente utilizzato in quel composto, detto sverniciatore in gel, fino all’anno 2011 era il cloruro di metilene che è stato vietato per la sua tossicità.
Vi sono anche altri metodi più artigianali come l’utilizzo di solventi idonei a sciogliere la vernice. Per fare un esempio: acetone, diluente nitro o sintetico, acquaragia, etc. Un altro metodo di sverniciatura, impiegato soprattutto in campo edile, è quello a sabbia che si esegue spruzzando ad alta pressione – per mezzo di un compressore – sabbia finissima sulla superficie da trattare.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 1.50 kg